23/10/2014velature sparse

24/10/2014quasi sereno

25/10/2014quasi sereno

23 ottobre 2014

MAMMA 42ENNE MUORE DI TUMORE

Aveva fondato Oltre il labirinto, sodalizio che si occupa di bimbi autistici, come la sua piccola Chiara di soli 10 anni

TREVISO – Ha combattuto con tenacia e ottimismo per oltre quattro anni un male che spesso non lascia scampo. E' stata sempre amorevolmente sostenuta da due genitori che chi li conosce bene non può che definire fantastici e da un compagno, Paolo, altrettanto premuroso.

Lo ha fatto per le sue tre figlie. Per la più piccola, Chiara, di soli 10 anni, che è autistica, per Marta, 18enne, e per Lisa di 16 anni. Monica Migotto, figlia di Roberto, gestore per molti anni del cinema Corso e di Anna Fornaini, sorella di Ettore, titolare della nota cereria in piazza Duomo, tra meno di un mese  avrebbe compiuto 43 anni. Lascia anche il fratello Michele e Alberto, ex rugbysta

E’ morta all’ospedale Ca’ Foncello verso la Mezzanotte della notte scorsa. La mamma il giorno prima, il 16, aveva compiuto 65 anni. Nell’ottobre del 2006 Monica scopre di avere un cancro al seno. Viene operata qualche mese dopo e subito la diagnosi è impietosa: metastasi. Inizia una dura battaglia che Monica vuole vincere. La giovane donna lo fa con il compagno Paolo, che non è il padre delle sue figlie, ma che ha amato come fossero state sue fin dall’inizio, da quando la coppia si conobbe nel 2003.

Lui è originario di Cremona e solo un mese prima della scoperta della malattia aveva lasciato la città natale e un lavoro sicuro con il padre imprenditore. Le è stato vicino fino alla fine. Insieme avevano un sogno, aprire a Treviso un negozio di dolciumi, ma la malattia ha congelato il progetto. Monica, sempre sostenuta dall’amore della sua famiglia e temendo la sua fine, è stata fra le fondatrici, nel 2009, della Fondazione “Oltre il labirinto”, un sodalizio voluto per sostenere i ragazzi autistici e anche per prepararli all’evenienza che i genitori prima o poi li devono lasciare.

Monica la figlioletta l’ha lasciata troppo prematuramente. La famiglia voleva far conoscere la storia di Monica, soprattutto per divulgare l’esistenza della Fondazione affinché possa continuare ad esistere con il sostegno di tutti coloro che hanno a cuore il futuro di questi bambini. Domani, venerdì 18 febbraio, alle 20.30, la chiesa di Santa Maria del Sile, a Sant’Angelo, ospiterà il rosario e sabato 19, alle 10 Monica riceverà l’ultimo abbraccio da parte dei suoi cari e di tutte quelle persone che conoscendola hanno ammirato il suo coraggio e la sua determinazione per assicurare un futuro alla sua piccola Chiara e alle altre sue figlie. Eventuali offerte saranno devolute alla fondazione "Oltre il Labirinto", che Monica presiedeva.

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Laura Tuveri

Commenta questo articolo


Ho avuto modo di conoscere la storia di Monica l'anno scorso ad una cena di beneficenza per raccogliere fondi per la Fondazione “Oltre il labirinto” che si occupa anche sua figlia Chiara. Lei ha raccontato la sua vita fatta di tante cose brutte con un sorriso meraviglioso.
Mi dispiace tantissimo. Lei era una vera maestra di vita.

segnala commento inopportuno

Sono triste per questa mamma, che non sarà fisicamente più a fianco delle figlie. So che sarà un Angelo per loro e questo allevia questa tristezza che arriva al cuore.
Donna coraggiosa, che ha fatto della sua vista una missione stupenda per la figlia Chiara.
Esempio di vita, oltre la vita.

segnala commento inopportuno

Grazie per tutto quello che hai fatto per questi bambini! Sarai un punto di riferimento per chi, come me, ha la fortuna di lavorare con bimbi speciali. Sentite condoglianze ai famigliari e amici.

segnala commento inopportuno

Se ne vanno sempre i migliori, sempre coloro che sanno costruire cose utili e valide, anche senza essere in vista, ma che proprio così rendono migliori le cose che riescono a realizzare. Non ci sono parole per esprimere a questa famiglia, alle figlie ed ai parenti la riconoscenza e per quanto ha realizzato in questi anni da Monica, ma quello che ha fatto resterà sempre nel cuore di tutti e la sua storia aiuterà sicuramente a continuare il progetto che lei stessa aveva fondato. Sentite condoglianze. Bruna

segnala commento inopportuno

sono molto triste ...
Monica l'ho consciuta solo telefonicamente e attraverso la nostra comune grande amica Lorella.
Lorella mi ha comunicato la grandezza di Monica, la sua forza fondata su una Fede viva.
Il mio rammarico è di non averla conosciuta di persona, la mia preghiera è che la sua famiglia sia custodita nel suo ricordo e nel suo amore.
Monica è un grande esempio

segnala commento inopportuno

anche se non ti ho conosciuto personalmente avevo sentito parlare molto di te. sei stata come una stella cometa. se ne parla anche quando non c'è più. che il tuo spirito possa vegliare sulle buone persone come te. un saluto

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Renzi vuole che il Tfr venga messo in busta paga solo a chi lo chiede. In questo caso cosa faresti?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.856

Anno XXXIII n° 19 / 9 ottobre 2014

Attenti al lupo!

Dopo un secolo il lupo torna nelle nostre zone. Un male o un bene(ficio)?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×